Raspberry Pi3

E’ stato annunciato a fine febbraio. (ed anche messo in commercio) il nuovo Raspberry Pi3.

https://www.raspberrypi.org/blog/raspberry-pi-3-on-sale/

Nuovo processore a 64 bit, un ARM Cortex A53 dotato di 4 core con un clock di 1.2 GHz.

Anche la GPU è cambiata, ora si tratta di un VideoCore IV a 400MHz e sono state integrate a bordo della scheda le interfacce Wi-Fi e Bluetooth. Quello che non è cambiato sono le 4 porte USB, sempre standard 2, la porta Ethernet, sempre 10/100 nonché linkata al bus USB con cui continua a condividere la banda e la RAM, ancora 1 Gb. Di quest’ultima non ho notizie se sia stata aggiornata a DDR3 o sia rimasta la precedente DDR2.

E’ sicuramente più veloce del Raspberry Pi2, anche se per sapere esattamente di quanto bisognerà aspettare che venga resa disponibile almeno la Raspbian a 64 bit. Il prezzo proposto al pubblico è sempre di 35$ (che qui in Italia diventeranno non meno di 45 €) quindi tutto sommato un buon acquisto per chi decide di acquistare il primo RPi oppure “svecchiare” le prime versioni. Un po’ meno allettante per chi, come me, ha già un paio di RPI2 al lavoro.

Francamente avrei osato un po’ di più, cercando di fornire delle porte USB 3 nonché una Ethernet a 1Gb e ancora meglio una porta Sata decente, come già presente sui Banana Pi/Pro. Anche a scapito di andare a portare il costo della scheda sui 50$.

Il problema che rimane è infatti la velocità di accesso ad uno storage esterno, che se si intende usare il Raspberry come un piccolo server, diventa una grande comodità. I Banana Pi/Pro, con la loro porta Sata, anche se non riescono certamente a stare dietro allo standard Sata2  forniscono una velocità di accesso ad un disco SSD esterno di circa 120 MB/sec, che è pur sempre 4 volte più veloce di una buona microSD.

Evidentemente però non è questa la politica commerciale della Foundation che pur di contenere il prezzo della nuova scheda a quello della precedente ha deciso di far uscire quello che si può definire solo un upgrade piuttosto che una scheda decisamente più performante.

Lascia un commento