OpenSuse per Raspberry Pi3: perplessità

Una cosa mi ha lasciato molto perplesso: ho provato a fare in modo che la distribuzione partisse senza interfaccia grafica, per poterla utilizzare in modo molto più efficiente come server. Conosco la Suse da anni e so che da diverso tempo non gradisce in genere che si intervenga direttamente sui file di configurazione in /etc per cui ho utilizzato Yast (Gestione Servizi) per portare la distro a livello “Multi User”, ovvero con partenza in modo testuale senza desktop.

Alla ripartenza tutto appare bloccato, la console non dà segni di vita e il Raspberry non entra neanche in rete, negando un accesso remoto SSH che avrebbe aiutato ad investigare il problema. Come controprova ho creato un’altra microSD e fatto ripartire il sistema ho riprovato ad effettuare la stessa operazione da Yast, che dovrebbe risultare totalmente lecita (da una OpenSuse su piattaforma Intel effettua effettivamente il passaggio al runlevel Multi-User). Niente da fare, stesso risultato. Blocco completo della OpenSuse.

Non so se questa cosa sia riproducibile anche da altri che hanno installato questa distribuzione, ma nel mio caso mi dà senz’altro un’impressione di fragilità e instabilità intollerabile per l’utilizzo sul Raspberry. Francamente mi dispiace perché almeno su piattaforma Intel ritengo la OpenSuse una delle migliori distro in circolazione, ma sul Raspberry non me la sento proprio di utilizzarla in queste condizioni.

Lascia un commento